Pensione, sì a Quota 41 ma non come prevista inizialmente: le modifiche apportarte

Il Governo passa al vaglio la possibilità di modificare Quota 41. Ecco come cambia il sistema delle pensioni italiane.

La questione della riforma delle pensioni è tornata al centro del dibattito politico in Italia, con il Governo che sta esplorando varie opzioni per modificare la legge Fornero. Tra le proposte in considerazione, spicca la cosiddetta “Quota 41”, un piano che consentirebbe il pensionamento anticipato dopo 41 anni di contributi, indipendentemente dall’età.

Pensioni, Quota 41
Pensioni: come cambia Quota 41 (Rollercoasterrevolution.eu)

Questa proposta è stata avanzata dal sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, il quale ha recentemente delineato gli orientamenti futuri del Governo in vista della prossima Legge di Bilancio. Durigon ha espresso la speranza di prorogare programmi come Opzione Donna e Ape Sociale, che offrono condizioni più favorevoli per specifiche categorie di lavoratori.

Inoltre, il Viceministro ha accennato alla possibilità di incentivare la permanenza nel mondo del lavoro, specialmente nelle professioni mediche. Questa opzione implica un significativo cambiamento nel calcolo dell’assegno pensionistico. Si passerebbe da un sistema retributivo, basato sugli ultimi stipendi, a uno integralmente contributivo, basato sull’intero arco contributivo.

Pensioni: le modifiche a Quota 41

Attualmente, per accedere alla pensione con la cosiddetta “Quota 103” è necessario aver accumulato 41 anni di contributi e avere almeno 62 anni di età. Il Governo sta mirando ad eliminare il requisito legato all’età, mantenendo unicamente il calcolo della pensione basato sui contributi versati. Questa modifica consentirebbe un maggiore grado di flessibilità nell’accesso alla pensione, eliminando le barriere legate all’età.

Pensioni, Quota 41
Il Governo pensa di cambiare Quota 41 (Rollercoasterrevolution.eu)

Tuttavia, l’implementazione della Quota 41 dipenderà sia dalla disponibilità finanziaria che dalla volontà politica di attuarla. Se approvata, questa misura potrebbe avere un impatto significativo sulla gestione delle risorse pensionistiche, spostando l’attenzione dalla durata della vita lavorativa alla quantità dei contributi versati.

L’adozione della Quota 41 comporterebbe costi considerevoli per lo Stato: circa 4 miliardi di euro nel 2025 e fino a 9 miliardi a regime. Questo elevato onere finanziario sta spingendo il Governo a considerare una riforma che adotti un approccio integralmente contributivo per il calcolo della pensione. L’assegno subirebbe una riduzione approssimativa del 15%, rendendo le pensioni più sostenibili dal punto di vista dei costi. Ma anche sensibilmente inferiori rispetto alle attuali aspettative dei lavoratori.

Attualmente, il sistema di Quota 41 è già in vigore ma limitato a specifiche categorie di lavoratori cosiddetti “precoci”, ovvero coloro che avevano accumulato 12 mesi di contributi entro i 19 anni di età. L’idea del Governo è di estendere questo regime a tutti i lavoratori, rendendo l’accesso alla pensione anticipata universale sotto queste nuove condizioni.

L’introduzione della Quota 41 potrebbe comportare una revisione degli assegni pensionistici più elevati al fine di contenere i costi complessivi. Di conseguenza, il governo prevede di continuare con il meccanismo che limita gli aumenti pieni all’inflazione solo per le pensioni fino a quattro volte il minimo pensionistico. Gli assegni più alti riceveranno adeguamenti proporzionali minori, una mossa che potrebbe causare malcontento tra i pensionati con redditi medi e alti.

L’accettazione di una pensione inferiore del 15% rispetto alle attuali proiezioni potrebbe non essere accolta favorevolmente da tutti i settori della società, soprattutto da coloro che hanno pianificato la loro pensione basandosi sul sistema attuale. Una delle principali preoccupazioni del Governo riguarda l’adeguamento delle pensioni all’inflazione. Durigon ha sottolineato l’intenzione di modificare l’indicizzazione degli assegni pensionistici per favorire chi percepisce pensioni più basse, riconoscendo che l’attuale sistema di adeguamento uniforme non è adatto a tutte le situazioni.

Impostazioni privacy